Il finanziamento – un’intesa tra settore pubblico e terzi


La Masseria di Vigino si presenta come bene culturale capace di fungere da forza trainante e di finanziare i costi di esercizio grazie ai proventi del settore alberghiero, della gastronomia, degli eventi, della formazione e delle esposizioni. Con l’avvio dell’attività imprenditoriale in programma, il progetto intende conferire una rapida e piena autonomia al luogo.

 

A tal fine sono necessari mezzi finanziari per un totale di circa 8,5 milioni di franchi. Una parte di questi aiuti proviene dal settore pubblico (Confederazione, Cantone e Comuni), un’altra giungerà tramite il contributo di terzi, che verrà reperito in un primo momento tra privati, fondazioni, aziende e, solo in un secondo momento, nel settore pubblico.

 

La campagna per il reperimento del capitale verrà avviata ad aprile 2016. Sarà seguita e sostenuta da un comitato consultivo composto dai rappresentanti di una commissione finanziaria e di un comitato di sostegno.